I risultati del sondaggio "Fashion from Sustainable Forests": l’opinione dei consumatori europei sul fashion sostenibile

Il sondaggio internazionale di PEFC sulla “moda da foreste sostenibili” rivela un divario significativo tra le aspettative dei consumatori e i progressi percepiti dei marchi.

I risultati del sondaggio "Fashion from Sustainable Forests": l’opinione dei consumatori europei sul fashion sostenibile

5 luglio 2024 PEFC e moda/fibre

Di Francesca Dini

Dal 2016 il PEFC con la campagna “Fashions change, Forests stay” promuove nel settore del tessile l’uso di fibre cellulosiche artificiali (MMCF) come la viscosa e il lyocell derivanti da foreste certificate per la gestione forestale sostenibile. Questi prodotti sono alternative potenzialmente sostenibili e scalabili se certificate rispetto ai materiali sintetici vergini a base fossile, come il poliestere. La loro presenza sul mercato è sempre più forte e si prevede infatti che il loro mercato cresca da 6 a 10 miliardi di tonnellate nei prossimi 15 anni.

PEFC Internazionale, nell’ambito di questa campagna, ha pubblicato lo scorso giugno l'indagine "Fashion from Sustainable Forests" (Moda da foreste sostenibili), che va a considerare il tema della moda sostenibile non dalla prospettiva dei produttori ma piuttosto da quella degli consumatori.

I risultati dal sondaggio condotto tra il 26 aprile e il 3 maggio 2024 su un campione di 5.329 adulti mostrano la consapevolezza e le aspettative dei consumatori sull'uso di fibre forestali sostenibili nella moda in Francia, Italia, Spagna e Regno Unito, rivelando un significativo divario tra le loro aspettative e i progressi percepiti dai marchi.

Prima fra tutti è l’instaurarsi di una nuova presa di coscienza su questi temi ed un’aumentata preoccupazione dei consumatori su questi temi. Il 76% infatti è preoccupato per l'impatto ambientale negativo delle fibre forestali, come deforestazione e perdita di biodiversità. Il 74% considera importante che le fibre forestali provengano da foreste gestite in modo sostenibile ed in particolare gli italiani risultano essere i più consapevoli richiedendo per il 90% la trasparenza sull'origine delle fibre forestali.

Tutto questo ha quindi portato all’instaurarsi di una marcata attenzione alle scelte dei brand e ad un aumento delle critiche a loro mosse. Il 78% dei consumatori ritiene infatti che i marchi debbano migliorare i loro sforzi per la sostenibilità ed allo stesso tempo solo il 25% crede stiano affrontando efficacemente le preoccupazioni ambientali fornendo informazioni sufficienti sulla sostenibilità delle fibre (il 13%).

Il sondaggio fa emergere quindi un nuovo profilo di consumatore che preferisce acquistare da marchi trasparenti sulle pratiche sostenibili e ritiene che l'approvvigionamento sostenibile aumenti il valore del marchio, rispettivamente per il 68% e per il 64%. Ma non solo, sembra infatti che la presenza di un’etichetta di sostenibilità renda il 59% dei consumatori disponibili a pagare di più per un prodotto con materie prime certificate.

Il PEFC suggerisce una serie di misure per aumentare la trasparenza e la credibilità della comunicazione con i consumatori, oltre a rafforzare gli obiettivi e i progressi in materia di sostenibilità:

- Rivedere le politiche di approvvigionamento di materiali MMCF ed impegnarsi ad approvvigionarsi solo da foreste gestite in modo sostenibile, stabilendo degli obiettivi credibili.

- Comunicare i requisiti di approvvigionamento e sostenibilità ai fornitori e ribadire la necessità di verifiche di parte di terzi (ad esempio attraverso la catena di custodia PEFC, sulle origini delle fibre) per monitorare e comunicare i progressi compiuti in modo credibile e verificato.

- Fornire informazioni ai consumatori sul proprio sito web in merito alle collezioni contenenti fibre MMCF, ai propri obiettivi di approvvigionamento di MMCF ed ai progressi attuali a livello aziendale.

Il PEFC si impegna a sostenere l'industria della moda in questo percorso di trasformazione. I marchi della moda possono accedere a un'ampia gamma di risorse disponibili attraverso il PEFC, tra cui webinar e workshop per sostenere l'approvvigionamento sostenibile di materiali forestali all'interno delle loro catene di approvvigionamento.

Per maggiori informazioni sul questionario qui (sul qui va caricato sul sito la traduzione del comunicato stampa che sta sempre qui nella cartella. Grazie)

 

Photo credits: © Forenius / Adobe Stock 

Legname di Guerra

Leggi i chiarimenti e le FAQ emesse dal PEFC Internazionale a seguito dell'annuncio che tutto il legname proveniente dalla Russia e dalla Bielorussia è considerato "legname di guerra"

Referenti PEFC

Francesca Dini

Segreteria tecnica e promozione